GIAPATOI

Un orologio , un anello e un cane

Primo gennaio 1943.

Joseph  J. Collins era imbarcato sul cacciatorpediere HMS Laforey.
La nave era arrivata a Bone, sulla costa algerina,   sotto una pesante bombardamento aereo.
Non era certo il modo di festeggiare il Capodanno, deve aver pensato il ragazzo.
Si era abituato ai rumori della guerra ,ormai  indovinava la distanza delle bombe dal rumore del sibilo.
Questa volta però non riusciva proprio a sopportarli,  non dopo le ultime notizie che aveva ricevuto da casa: "Aspettiamo un bambino" gli aveva scritto Ellen .
 
Sarebbe nato a Luglio ma Joseph sapeva che non avrebbe resistito così tanto senza tornare a casa. Impaziente chiese subito una licenza ma quelli non erano tempi e mari propizi e riuscì ad arrivare a  Gibilterra solo a metà febbraio.
 
Lì ebbe  fortuna perchè in pochi giorni trovò un passaggio sulla “ Weyburn”, una corvetta  canadese che lo avrebbe portato a casa  scortando un convoglio mercantile oltre lo stretto .
 
Sali a bordò prima dell’alba e la nave raggiunse la sua posizione a difesa del convoglio  MKS 8 . Stava per “Mediterranean – UK- Slow” .
Lentamente, ma si tornava  a casa.
 
Forse dormiva , magari pensava al nome da dare al figlio
Udì un rumore arrivare da un lato , uno strano  cigolio metallico ..
Capì cosa stava accadendo nel medesimo istante in cui la mina scoppiò aprendo una falla sulla fiancata di babordo.
Venne sbalzato sul soffitto del locale e ricadde a terra urtando contro l’angolo del tavolo.
Appena ripreso fiato salì in coperta mentre la nave cominciava a piegarsi lentamente verso  poppa.
La sala motori era  allagata e dal fumaiolo , aperto in due verticalmente,  usciva fumo denso e vapore .
Vide la “Wivern”, il  cacciatorpediere che li seguiva nel convoglio, accostarsi  tanto da permettere di  saltare in salvo da una nave all’altra e scorse tre uomini che da una scialuppa cercavano di recuperare i marinai sbalzati in mare dalla forza dell’esplosione.
 
Le fiamme che uscivano dalle tubature spezzate lo avevano costretto a fare un lungo giro per arrivare al punto in cui avrebbe potuto saltare  al sicuro.
 
In fondo alla nave aveva visto che due marinai stavano velocemente disarmando gli inneschi delle cariche di profondità
Erano le bombe che si usavano per dare la caccia ai sommergibili.
Si rese conto che se  quelle cariche fossero esplose una volta raggiunto qualche metro di profondità non ci  sarebbe stata salvezza .
Erano ormai trascorsi quasi venti minuti e lo scafo si era inclinato troppo per poter saltare direttamente oltre il parapetto sul ponte della nave accanto.
Joseph allora si buttò in acqua , cercando di raggiungere a nuoto la scialuppa poco distante
Era faticoso  nuotare in quel mare coperto da un velo di olio ed era ancora  lontano quando d’improvviso la poppa della nave si inabissò di colpo dietro di lui.
 
Subito dopo ci fu una esplosione enorme che squarciò la nave e lanciò fiamme e lamiere tutt’intorno.
Qualche secondo dopo una seconda , più potente,  fece addirittura volare un’ancora della Weyburn sulla tolda del cacciatorpediniere  ,devastandola.
Non tutte le bombe erano state disinnescate .
 
Nessuno vide la fine di  Collins.
I sopravvissuti raccontarono altre cose.
 
Videro il capitano della nave ferito al viso aiutare i suoi marinai a mettersi in salvo sino ad un attimo prima dell’esplosione.
Ricordarono che il medico della Wivern diresse i soccorsi seduto a terra, con le due gambe spezzate da una improvvisa  collisione tra i due scafi e che accettò le cure solo quando  il cacciatorpediniere, anch’esso ingovernabile,  fu trainato in salvo a Gibilterra.
 
I pescatori di Zahara  trovarono il corpo sulla spiaggia quella stessa sera.
Lo seppellirono nel cimitero ove l’ho  trovato ed  attraverso l’addetto della Royal Navy  rispedirono  ad Ellen l’anello di matrimonio, un orologio ed un libro di preghiere.
Questo almeno è quanto rammenta il figlio Anthony, nato  il 30 luglio del ’43 nella  casa di Milnsbridge.  
 
Non so cosa si possa  capire del proprio padre da  pochi oggetti e da qualche  racconto.
Un vuoto  che in quei giorni molti potevano facilmente comprendere
Una era sicuramente  Pam, la figlia del comandante della Weyburn.
A lei del padre rimase solo Posh  ,lo  spaniel mascotte della nave che era sopravvissuto al naufragio e che un superstite le aveva riportato casa dopo mesi di cure.
Poco , ma almeno era qualcosa che si poteva abbracciare.
 
Nulla invece è rimasto della famiglia di Werner Czygan, il comandante dell’U-Boat 18 che aveva lasciato le mine  avanti Gibilterra.
Lui sopravvisse a Collins solo qualche mese , affondò sul suo sommergibile   il 12 giugno , colpito dall’ aviazione  poco al largo delle Canarie.
Lui aveva un cognome di origine tzigana e veniva dalla Pomerania, una terra che di lì a poco i tedeschi avrebbero riconsegnato ai polacchi ed all’ Armata Rossa.
Nessuna traccia è rimasta del loro destino.
 
So che Anthony Collins invece  è arrivato sino a Zahara de los Atunes a trovare il padre. Fu lui   a far porre quella lapide chiara e grigia che ho fotografato.
 
Chissà se ha mai pensato che in fondo è morto per amor suo.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

4 pensieri su “Un orologio , un anello e un cane

  1. Tranquilla Vola,Splinderaccio non mi avrà ! 

  2. Anthony l'ha pensato e bene ha fatto a mettere la lapide commemorativa dove tu hai riletto la storia di suo babbo(chissà se il mio commento finisce insieme a quelli invisibili che lo hanno preceduto)

  3.   ecco i commenti dispersiSigh.Quasi mi spiace di averti messo fretta.La cosa della spia mi aveva incuriosita, ah… avvocato, guarda che se lei scrive a lui si dice GLI non LE.Oh dai lo fai apposta? Per vedere se leggiamo sul serio o se ti facciamo clap clap a prescindere?uhm!Non temere, ad ogni post ho una dozzina, quando va bene, di erroracci con cui potrai vendicarti di questi miei commenti poco cortesi.Spero che Anthony non lo abbia mai pensato, sentirsi responsabile di essere nato in tempo di guerra mi pare troppo, ma chissà.:-( 

    Volare85

    #2  16 Settembre 2010 – 21:12

     

    e' morto per via della guerra.per amor suo cercava di tornare a casa. 

    sullepunte

    #3  16 Settembre 2010 – 21:13

     

    (cmq sara' la pratica fatta con lo zar quand'era piccolo, ma le storie le raconti bene, giap)

    sullepunte

    #4  16 Settembre 2010 – 21:24

     

    Volare @ assunta come correttrice di bozze.Sulle@grazie.smack

    giapatoi

    #5  16 Settembre 2010 – 21:26

     

    Adesso me la stampo sta cosa… mai usare la parola assunta davanti ad una cassintegrata… mai!^_^Comunque sullepunte dice bene e io mi son scordata di scriverlo, troppo presa a fare la maestrina dalla penna rossa.Sei proprio bravo a raccontare. 

    Volare85

  4. Meno male che Splinder ha fatto questa porcata con l'impaginazione dei commenti: l'indignata sorpresa mi ha fatto passare il groppone alla gola. La bipaternità mi rende sentimentale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: