GIAPATOI

Archivi per il mese di “gennaio, 2012”

TERREMOTO ALLA MILANESE.

“Prooooonntto Fascinosa Collega di studio !!!!!
Ho sentito che a Milano il terremoto è stato forte, Tutto bene?

Certo Giap. Comunque sappilo, se rimango sotto le macerie del Tribunale voglio che SkyTG24 commenti la mia dipartita così: “Rinvenuta giovane donna ancora senza nome sotto i resti del Palazzo di Giustizia. Segni particolari: corpo stupendo e scarpe da urlo.”

 

Questa la devo raccontare !

La mia amica Baba è un avvocato civilista di quelle serie inappuntabili ed inappuntate.

Un giorno di qualche estate fa un suo amico di lontano  (” non il mio amico ma solo un amico , Giap !) la chiama:

“Domani arrivo a Malpensa,   passi a salutarmi?”

Baba è una ragazza che tiene in buon conto l’amicizia , all’ora prevista  sta con gli occhi in sù a guardare il video che racconta gli arrivi.

L’aereo atterra, i passeggeri escono. Tutti tranne l’amico.

Baba non sa cosa pensare e mentre ci pensa un carabiniere spunta dalla porta a vetri e   chiede a lei, unica rimasta :

“l’avv. Baba?”

“Siiiii?” risponde incerta

” Potrebbe venire in ufficio ,per favore,  il signor Mojo  chiede di Lei, è in stato di fermo, dobbiamo interrogarlo ”

Baba non comprende bene che stia succedendo, di penale si ricorda solo quell’assistente bonazzo all’università , ma segue il carabiniere oltre la porta della dogana.

Prima di arrivare all’ufficio incrocia  lo sguardo di un paio di finanzieri, un addetto alla dogana ed un altro ragazzo in divisa.

Le pare che la guardino tutti un po’ ammiccando, con quelle occhiate che senti addosso.

In precipitosa sequenza i suoi occhi sono attraversati da i seguenti pensieri:

” M’è uscita una tetta! No, maglietta e gonna sono a posto”

” Ma guarda questo che sorriso mi fa. Ma che è ‘sta esplosione di fascino?”

“Ma che profumo ho messo ?”

“Rossetto troppo rosso?”

Stupita , resta senza parole quando anche il commissario apre la porta e la fa accomodare con i gesti languidi da seduttore latino.

Improvvisamente , mentre trasognata si   crogiola  in questa veste da “femme fatale”, le arrivano chiare le parole del commissario.

“Avvocato, guardi, il suo amico ci ha detto che lo aspettava qui fuori, ma dobbiamo trattenerlo finchè non finiamo il rapporto. E’ accusato di aver tentato di introdurre senza autorizzazione, in Italia 462 pastiglie di Viagra.

Nulla di così grave  certo …… però……il suo amico…462….. accidenti”

“In quel momento i fantasmi di Rita Hayworth sono improvvismente scomparsi e la verità è apparsa in tutta la sua pornografica bellezza. Quelli mi guardavano in quel modo solo perchè  increduli che fossi io , l’impeccabile professionista, la causa di tale ansia da prestazione !”

Ussignur!

 

Liberalizzazioni à la Zar

Prima lo Zar si mette a fare un disegno per la lezione di Arte e lo vende per 5 euro ad un compagno di scuola.

Un paio di giorni dopo , con tono esausto,ci chiede se la sua  tavola può farla fare “aggratis” dal suo amico dell’artistico.

Il compagno ha evitato una fatica, lui ha guadagnato 5 euro , l’amico  artista è apparso lusingato della richiesta.

Tutto è bene quindi, sopratutto perchè vedo lo Zarevich ben attrezzato per l’incombente mondo delle liberalizzazioni

UNA PRECE ! ( le meraviglie della statistica )

Hai passato il sabato pomeriggio  a leggere quello che ho scritto dal 2007 ad oggi sfogliando 107 pagine per tre ore, 12 minuti e 50 secondi……da Ottawa!
Noi dobbiamo assolutamente parlarne ,i sintomi mi paiono inquietanti !

Palesati ordunque!

Navigazione articolo