GIAPATOI

Ora che la giornata della memoria è trascorsa , posso dimenticare?

Immagine

La memoria ha .. la tendenza a selezionare, il gusto per il dettaglio
La memoria contiene proprio i dettagli, non il quadro d’insieme .

Josif Aleksandrovič Brodskij

Ora che la giornata della memoria è trascorsa , posso dimenticare?
Posso far riposare i ricordi faticosi, almeno per qualche tempo?

Non sto parlando delle immagini dei lager, neppure della soffitta scritta da Anna Frank o delle storie dei sopravvissuti.

Quelli che voglio mettere in un canto sono le tracce di quei giorni raccolti nella mia vita.
Un’ esistenza fortunata, tranquilla e senza guerre , anni che non finiscono nei libri di storia.

Sono dettagli, perché il quadro d’insieme di dieci milioni di persone e visi e mani che scompaiono non può rimanere stretto nel mio pensiero .

Roba di poco conto, poco più che sensazioni.

E’ il sorriso dell’uomo che ,nel giardino della Sinagoga di Rodi ,mi mostrava il numero tatuato sul braccio per spiegarci, senza molte parole, il viaggio che aveva affrontato per poter tornare li.

Certo è il fastidio provato nel guardare, dal finestrino dell’auto, i balconi fioriti delle case di Mauthausen con ancora addosso il brivido di quei tubi nelle camere a gas.

In altro modo è stato scoprire , dalla cucina di un amico , che la finestra al di là del cortile era la casa di Primo Levi e misurare la distanza sino al suolo.

Lo è  anche ricordare la scena finale di un film russo visto da bambino, quella in cui il portiere della squadra che aveva battuto i nazisti , prima di essere portato via, lancia la palla sul campo e quella rotola, rotola rotola, rotola.

 Cose personali , come i racconti della mia nonna che portava i suoi figli a guardare i fuochi d’artificio nel cielo verso Milano ,avvertiti dello spettacolo dal rumore dei bombardieri inglesi che avevano sorvolato la sua casa qualche minuto prima.

Dettagli inutili , frammenti che però posso ricordare e comprendere e che mi fanno sentire , fisicamente , quanto tutto ciò sia stato reale e vicino; troppo vicino per non sentirne il gelo.

Non dimentico, so bene quale sia il senso e la ragione del ricordo, ho solo voglia di riposare un poco .

Notte.

( il film si intitolava ” Terzo Tempo”, la versione del 1962 della storia raccontata poi da John Huston in Fuga per la Vittoria)

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

2 pensieri su “Ora che la giornata della memoria è trascorsa , posso dimenticare?

  1. Non credo si possa vivere senza riposare, come dici tu, gli occhi e la memoria da certe immagini, certe parole. E questa necessità non ha niente a che fare con l’abominio dell’oblio. Qualcuno non ha potuto riposarsi, non ha potuto. E ha misurato la distanza fra il passato e il suolo, azzittendo per sempre l’abisso.

    • winter, scusa per l’intrusione, son quella che fa la pirla sul blog di xanthippe. volevo solo dirti che l’ultima riga che hai scritto ha il filo come una lama. spero che non ti spiaccia se la terrò con me a lungo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: